Ascesa e declino del movimento meetoo: prima o poi i nodi vengono al pettine!

Nell’ultimo anno si è diffuso a macchia d’olio il movimento #meetoo in seguito agli scandali sessuali che si son verificati in quel di Hollywood, ma adesso la bolla di sapone sembra che stia per esplodere, rivelando quanto di marcio ci sia dietro le denunce delle attrici circa i presunti abusi.

Era l’ottobre dello scorso anno quando Harvey Weinstein venne accusato di  molestie, aggressioni sessuali e di violenza sessuale di una dozzina di donne. In seguito a queste calunnie, molte altre personalità femminili dell’industria cinematografica accusano il produttore di fatti simili, mentre Weinstein continua a professarsi estraneo ai fatti.

Continua a leggere “Ascesa e declino del movimento meetoo: prima o poi i nodi vengono al pettine!”

Annunci

Attentato a Trebes e il gendarme eroe: quando la vita dell’uomo ha meno valore di quella della donna

“Prima le donne e i bambini” si urlava sui ponti del Titanic mentre colava a picco. Prima le donne e i bambini… i bambini perché vanno salvaguardati ed hanno ancora tutta la vita davanti, le donne semplicemente in quanto tali, come se fosse insito nella nostra psicologia -o cultura- attribuire loro un maggior valore rispetto all’uomo.
Alla faccia del maschilismo, patriarcato o come lo volete chiamare, di cui le femministe tanto si riempiono la bocca; la realtà è che sin dai tempo più antichi  è sempre stato l’uomo quello ritenuto maggiormente “sacrificabile”.
Accadeva nel 1912, all’epoca del Titanic, ma ne subiamo i lasciti ancora oggi stando alle ultime notizie di cronaca.

Continua a leggere “Attentato a Trebes e il gendarme eroe: quando la vita dell’uomo ha meno valore di quella della donna”

Michele Ruffino suicida per colpa dei bulli

suicidio-300x225Ci duole parlare per l’ennesima volta di un fatto di cronaca appartenente alla sfera di quella che noi definiamo Incel Rage, ovvero, quel gesto estremo scaturito da anni di soprusi ed ingiustizie sociali (come sempre generate in primis dall’aspetto esteriore).

Michele Ruffino sognava di diventare pasticcere e da quattro anni studiava al Colombatto.

Continua a leggere “Michele Ruffino suicida per colpa dei bulli”

La morte di Niccolò Ciatti in un’ottica redpill

La notizia della morte del ragazzo italiano a lloret, picchiato in discoteca da 3 ceceni, lascia spazio a doverose riflessioni, e si inserisce perfettamente tra le tematiche affrontate in questa pagina.
Come già sapete il mio giudizio sulle discoteche è sostanzialmente negativo, trovo siano praticamente la massima espressione del degrado occidentale, il posto dove la già sovrana apparenza riesce paradossalmente a trionfare ancora di più.
In discoteca ogni valore umano, morale o intellettivo viene letteralmente annullato dal frastuono proveniente dalle casse e mandibole scolpite, fisici statuari e sguardo penetrante la fanno da padrone.

Continua a leggere “La morte di Niccolò Ciatti in un’ottica redpill”

18 anni fa avveniva il massacro della Columbine High School

hqdefaultDiciotto anni fa avveniva uno dei più celebri massacri assimilabili a quella che noi chiamiamo “incel rage“. Per stessa ammissione dei killer infatti, la loro era una sete di vendetta scaturita dalle quotidiane discriminazioni che ricevevano all’interno del contesto scolastico. Perché nonostante l’Italia non sia propriamente un paradiso,  in America certe dinamiche sono ancora più marcate; parliamo pur sempre della nazione che più di tutte detta i canoni della società occidentale, esportate a suon di film, musica e produzioni televisive. E’ li che la “categorizzazione” dell’individuo trova maggiormente terreno fertile, ed è così che le persone, sopratutto gli adolescenti, si trovano confinati loro malgrado all’interno di stereotipi sociali.
Ecco che allora si parla di “nerd” piuttosto che “bullo”, di “fighetto”, di “figlio di papa””, di “secchione” e via discorrendo. Si economizza la comunicazione, il vestiario, la pettinatura al fine di creare delle “shortcut” per accedere rapidamente all’identificazione dei soggetti. Basandosi appunto, solo sull’apparenza.

Continua a leggere “18 anni fa avveniva il massacro della Columbine High School”

L’assassinio del nano di Termini: una grande lezione di red pill

Molti son stati i fatti di cronaca nera legati in qualche modo ai concetti espressi dalla red pill. Tra questi mi viene in mente senza dubbio il caso di Domenico Semeraro, un uomo affetto da nanismo che dopo i trascorsi di un’adolescenza infernale, ha sviluppato una sessualità atipica e perversa. Leggendo questi fatti dopo aver appreso i concetti della red pill, tutto assume tratti ancora più inquietanti e raccapriccianti. Per questo una breve ripassata, con alcune considerazioni di contorno, è quantomai dovuta.
Continua a leggere “L’assassinio del nano di Termini: una grande lezione di red pill”

Ragazzo si suicida in diretta su Facebook

ragazzo-turco-erdogan-ceren-22-anni_914779Erdogan Ceren, ragazzo turco ventiduenne, si è suicidato  in diretta su Facebook: un gesto estremo compiuto dopo essersi lasciato con la sua fidanzata.

Secondo quanto riporta il giornale turco Aksam, il ragazzo si sarebbe ammazzato nella sua stanza in una casa nella provincia di Osmaniye, nel sud della Turchia.
Poche ore prima del video incriminato, Erdogan aveva aggiornato il suo profilo, aggiungendo una foto con la sorella e il nipotino. Nel suo ultimo status aveva scritto: «La nostra storia verrà scritta da qualcuno». Poi intorno alle 15 il ragazzo avrebbe iniziato la sua diretta sul social e, prima di uccidersi, avrebbe dedicato una poesia alla sua ex ragazza.

Continua a leggere “Ragazzo si suicida in diretta su Facebook”

Donald Trump messo alla gogna dal femminismo

Eh niente, accade che anche gli uomini più ricchi del mondo restano vittime dell’isterismo pro-femminista contemporaneo, come dimostrano i recenti accadimenti di Donald Trump.
Il candidato repubblicano alla casa bianca ci ha abituato ad ogni sorta di scandalo, ma mai polverone più grande è stato alzato da quando son venute fuori di recente, delle discussioni sessiste che qualunque uomo, e ripetiamo QUALUNQUE uomo pensa e avrebbe esternato al suo posto, a maggior ragione se tali discussioni avvengono nel privato.
Continua a leggere “Donald Trump messo alla gogna dal femminismo”

La age pill colpisce anche l’uomo più bello del mondo: la coppia Brangelina si scioglie

Brad Pitt è e resterà sempre un figo anche a 110 anni, fatto sta che quando il partner è una della caratura di Angelina Jolie, con bellezza, soldi e fama, accade anche che sia lei stessa a mollare l’uomo più bello del mondo. D’altra parte Pitt ha 52 anni, la age pill ha colpito anche lui.

Continua a leggere “La age pill colpisce anche l’uomo più bello del mondo: la coppia Brangelina si scioglie”

La morte di Tiziana Cantone e la fiera dell’ipocrisia

In questi giorni avrete sicuramente letto la notizia del suicidio di Tiziana Cantone, la ragazza che alcuni anni fa aveva girato un video porno finito poi in rete diventando virale.
Il web, i telegiornali, il mondo intero si è indignato nei confronti di questa nuova vittima del “maschilismo” contemporaneo.
Come sempre le cose andrebbero analizzate a fondo prima di trarne giudizi avventati.

Continua a leggere “La morte di Tiziana Cantone e la fiera dell’ipocrisia”