La Bibbia Vera

(IN CONTINUO AGGIORNAMENTO)

Queste sono le regole fondamentali della vita. Oltre ogni religione, corrente politica o fanatismo, quelle elencati di seguito sono semplici dati di fatto sul reale funzionamento della natura umana per quanto concerne l’aspetto fisico.
Per correttezza specifichiamo che molti passi non sono “originali”. bensì tratti da una famosa “Bibbia”originariamente postata nel Forum dei Brutti da un utente chiamato Johnny Red.

  1. Conta solo il bel faccino.
  2. Il saperci fare non esiste, eventualmente questa è soltanto la naturale disinvoltura che un bello ha acquisito nei confronti delle donne (ricordiamo che se piaci, piaci a prescindere da quello che dici/fai e viceversa), maturata in anni di feedback positivi. Al contrario un brutto non svilupperà mai queste doti in quanto rifiutato a prescindere da cosa dica o faccia.
  3. Farle ridere non serve a conquistarle, perché le donne scelgono il partner solo in base alle sembianze fisiche; se sei brutto e le fai ridere al massimo ti vedono come amichetto simpaticone, ma non certo come potenziale partner.
  4. Un brutto vero non scoperà mai se non con una cessa obesa, se è fortunato. Un brutto vero che scopa ragazze esteticamente decenti è necessariamente ricco.
  5. Un brutto vero rimedia massimo 2 donne, cesse obese tra l’altro, dopo 1000 tentativi.
  6. La bruttezza è un vero e proprio handicap.
  7. Per sopportare una vita da brutti ci vogliono le palle d’acciaio.
  8. Essere brutti è l’inferno in terra.
  9. Potrai dimostrare tutto il tuo amore a una donna, ma se sei brutto verrai sempre scartato e preferiranno darla al primo belloccio che passa e che la abbandonerà ingravidandola piuttosto che darla a te.
  10. La discriminazione verso i brutti è un fatto quotidiano, ignorato dai media, nonostante nel 21esimo secolo l’odio della gente nei loro confronti è superiore allo sterminio nazista di ebrei e zingari. I brutti non sono tutelati, sono perculati ed umiliati, subiscono continue vessazioni, vengono schifati come vermi da tutte le donne, nazi-femmine che alimentano arbitrariamente l’odio contro i brutti.
  11. I maschi brutti sono soggetti a quotidiane discriminazioni e non c’è nessun movimento che li protegga, mentre le donne cesse sono supportate da vari movimenti femministi (come ad esempio la moda delle donne obes.. ehm.. curvy) e zerbini che le deresponsabilizzano da ogni peso.
  12. Alcune caratteristiche fisiche possono dare un’idea (fondata o meno) della personalità del soggetto. La mandibola arretrata dà l’idea di una persona remissiva e debole, quindi facilmente vittima di bullismo ed angherie e di rifiuti da parte del genere femminile, minando fortemente l’autostima del soggetto e trasformandolo in un incel.
  13. La personalità che un soggetto si ritrova ad avere da adulto è subordinata ai feedback ricevuti negli anni precedenti, a loro volta subordinati alla sua condizione fisica. Più sei bello, più sei destinato ad avere una personalità forte e dominante.
  14. Un belloccio catapultato nella situazione di un brutto si suiciderebbe con una fucilata al volto dopo 1 settimana.
  15. Un belloccio cucca anche se sta fermo e non dice una parola, sarà la donna stessa a mandargli segnali di interesse, anche palesi; un belloccio può davvero permettersi il lusso di starsene fermo in un angolo buio di un locale senza far nulla ed aspettare gli inevitabili segnali, che se poi non recepisce è solo perché è un idiota patentato.
  16. Lo stupro è considerato tale solo se perpetrato da un brutto, mentre se fatto da un bello sarebbe considerato come un atto che dimostra intraprendenza e capacità nel “saperci fare” (che appunto non esiste) con le donne.
  17. Un belloccio sulla sedia rotelle sarà sempre preferito rispetto a un bruttino normale.
  18. Se hai scopato con una ragazza fisicamente decente e non sei ricco, allora non puoi essere un brutto vero.
  19. Per scopare belle ragazze non basta essere dei semplici normaloidi, colpa delle elevatissime pretese delle donne italiane.
  20. Lo sguardo è la cosa più importante, lo sguardo da furbetto.
  21. Il taglio d’occhi è evidentemente fra le cose più importanti, insieme alla simmetria e all’armonia complessiva dei tratti del viso e del cranio.
  22. Le donne dividono il volto in due sezioni e giudicano la bellezza, la fertilità e la salute in base al taglio d’occhi e alla mascella/mandibola.
  23. Un po’ di ciccia o brufoli non ti rendono brutto. I lineamenti sono decisivi.
  24. Chi è brutto a 20 anni lo sarà inevitabilmente anche a 30, per via della struttura ossea del cranio che delinea i lineamenti delle parti dure del volto.
  25. Le cicatrici su un bel viso danno l’aria dell’uomo vissuto e coraggioso, mentre sulla faccia di un brutto lo rendono sfigato.
  26. A parità di viso, un delinquente esercita maggiore fascino.
  27. Gli insetti sono schifati perché sono brutti, tranne le farfalle che hanno un bell’aspetto.
  28. Dio non esiste, è un essere inventato dall’uomo, ma nel caso per ipotesi esistesse veramente allora è un entità malvagia poiché ha creato la “bruttezza”.
  29. L’Italia è uno dei paesi peggiori per un brutto.
  30. La superbia e la pretenziosità delle signorine italiche è sconvolgente.
  31. L’alternativa per un brutto è andare a Cuba od in paesi in cui le donne sono meno pretenziose di quelle italiane.
  32. Essenzialmente ogni donna nasce con un tesoro tra le gambe, ed ogni uomo con un mutuo da pagare al fine di raggiungere l’atto della riproduzione.
  33. Le donne danno alla bellezza una grandissima importanza sin da bambine, ecco perché poi crescono e diventano sempre più pretenziose e superbe, sono letteralmente ossessionate dalla bellezza, specialmente dall’armonia del viso e rifiutano con disgusto chiunque non sia ‘armonico’.
  34. La libertà sessuale delle donne insieme ai modelli negativi trasmessi dal piccolo e grande schermo americano ha distrutto la famiglia e i buoni valori vigenti nella vecchia società.
  35. Una donna di qualsiasi livello di bellezza (o di bruttezza) avrà sempre più pretendenti rispetto ad un uomo a lei pariestetico. Per colpa dei morti di figa e degli zerbini, la vita sessuale delle donne (brutte o belle che siano) sarà sempre più attiva rispetto a quella degli uomini.
  36. Se non puoi essere il maschio alfa, almeno evita di essere il beta-zerbino.
  37. Le donne cesse che scelgono un uomo non propriamente bello lo fanno solo perché non hanno altra scelta e dunque si ‘innamorano’ inconsciamente di qualcuno alla loro portata, sapendo già a priori che sarebbero scartate e persino derise dai fighi.
  38. Le donne sono false e incoerenti. Dicono che la bellezza non conta ma in realtà la danno solo ai bei faccini e si mettono 300 chili di trucco addosso altrimenti non metterebbero piede fuori di casa.
  39. La legge sul divorzio in Italia favoreggia totalmente le donne, che una volta sposati con il brutto e ricco di turno, ci fanno dei figli e divorziano subito, in modo da rubargli la casa e ricevere il suo stipendio mensile, così da poter tornare a prendere nel deretano i cazzi di bellocci nelle discoteche.
  40. Le donne facili sono facili solo con i belli.
  41. Sotto una certa soglia estetica i brutti iniziano a sembrare malati mentali.
  42. Sotto una determinata soglia estetica, per le donne vali tanto quanto uno scarafaggio od un lombrico strisciante.
  43. La bellezza è totalmente oggettiva, più ti avvicini alle sembianze di un figo maggiori saranno il numero e la qualità di donne che puoi permetterti.
  44. Se la bellezza fosse stata soggettiva (come molti bluepillati vogliono far credere) le possibilità sessuali sarebbero state equamente distribuite tra la popolazione maschile
  45. Essere belli è uno dei requisiti fondamentali per avere una vita degna di essere vissuta.
  46. La vita di un brutto è peggiore di quella di un portatore di handicap in quanto perlomeno loro hanno una pensione di invalidità.
  47. La vita di un brutto è fatta di sangue, lacrime e sborra (solo nei fazzolettini però).
  48. Le feste sono solo per i belli, tutto è fatto solo per i belli… compresa la vita stessa.
  49. Quando si è brutti non si hanno mai 20 anni.
  50. Quando vedete brutti fidanzati non è indicativo di nulla. Bisognerebbe analizzare la situazione finanziaria di lui e/o lo status, e da quanto tempo dura la relazione (e per quanto tempo ancora durerà).
  51. In una relazione di coppia l’appagamento fisico è fondamentale. Non può esistere amore senza attrazione fisica, mentre si è più flessibili per quanto riguarda l’appagamento caratteriale.
  52. Nell’ambito di una relazione la difficoltà di mantenerla in piedi è inversamente proporzionale alla bellezza. Più si è belli più errori si possono commettere senza il rischio di comprometterla. Viceversa, più si è brutti più il castello di carta rischia di crollare.
  53. A parità di torto, le donne tendono a perdonare più facilmente un partner di bell’aspetto.
  54. Quando le donne dicono di essere state fidanzate con ragazzi brutti in realtà si riferiscono ad individui assolutamente nella norma, ma che non rispecchiavano le loro altissime pretese estetiche degne di un’agenzia di moda.
  55. L’unica ragione di vita di ogni uomo sano di mente dovrebbe essere quella di mescolare i propri geni a quelli di una cerbiattina nordica. A maggior ragione se è brutto in quanto il suo obiettivo primario dovrebbe essere volto al miglioramento del proprio pool genetico. Purtroppo l’italiano medio si accontenta della prima CO che passa (ammesso che gliela dia) pur di scopare.
  56. Il tasso di suicidi maschili è 4 volte superiore a quello femminile in tutte le fasce d’età, fatto costantemente ignorato dai media e quindi dalla stessa società. Naturale conseguenza dei privilegi che le donne hanno in qualsiasi ambito, e non sinonimo di maggior “forza interiore” come qualche superficialotto vorrebbe lasciar intendere.
  57. I brutti che vanno per i locali sperando di rimorchiare sono necessariamente blupilled.
  58. La maggior parte delle ragazze che esternano il loro sentirsi brutte, lo fa solo per averne disconferma grazie ai soliti zerbini o le amiche ipocrite, i quali son capaci di negare anche di fronte all’evidenza.
Annunci